• messenger
  • Domande e Risposte
  • Contattaci
  • Cerca
Close

SOTOZEN.COM > Archivio > Brevi Storie Zen > WERE YOU STILL HOLDING HER?

WERE YOU STILL HOLDING HER?

Tanzan Hara è un famoso monaco zen del periodo Meiji. Fu anche studioso del buddhismo, fu il primo professore di filosofia indiana presso l’università di Tokyo e venne eletto membro dell’Accademia del Giappone. Morì nel 1892 a 74 anni ed era consapevole della sua morte il giorno prima di spirare. Venti minuti prima di chiudere gli occhi per sempre, scrisse delle cartoline ai suoi amici più stretti dicendo: “Morirò presto. Ora come ora ci tengo a informarti di questo”. E anche se è famoso per essere spirato durante una seduta di meditazione, egli mostrò qualità insolite sin dalla giovinezza.

Quando era un giovane monaco pellegrino, viaggiò nelle campagne con un caro amico e un giorno giunsero a un fiume stretto e con poca acqua. Non c’erano ponti e stavano per attraversarlo a guado. Allora videro una bellissima ragazza che stava esitando a traversare il fiume e Tanzan le disse: “Vieni, ti faccio attraversare io. Tieniti stretta alle mie spalle, va bene?” e sollevò leggermente la ragazza per portarla sull’altra riva.

La ragazza ringraziò timidamente Tanzan ma lui, impaziente di raggiungere il suo amico, non la sentì. I due monaci camminarono per circa due chilometri in silenzio e l’amico di Tanzan sembrava dispiaciuto. Improvvisamente non riuscì più a contenersi e disse schietto: “Sei una disgraziato. Credi che un monaco possa prendere in braccio una ragazza?”. Era adirato.

Tanzan, fingendo di non capire, guardò intorno e disse: “Cosa? C’è una ragazza?”.

“Non fare il finto tonto. Hai preso in braccio una bellissima ragazza poco fa.”

“Ah ah ah ah ah; ti riferisci a quella. Io le ho fatto attraversare il fiume e l’ho lasciata là. A te è rimasta in mente fin qui?”

A queste parole, l’amico non seppe più cosa dire.

In fotografia, dopo uno scatto si fa scorrere la pellicola. Se non si fa così, si ha una doppia esposizione. Non dobbiamo dimenticare di far scorrere la pellicola del nostro spirito perché ciò che ci circonda cambia ad ogni istante.